Home / Finanza Personale / Mutui / Simutuo / Tutti in attesa della riforma del Catasto

Tutti in attesa della riforma del Catasto

Schermata 2011-12-28 a 10.15.23.pngSe ne è parlato in questi giorni, e ieri il Governo ha precisato alcune cosa a riguardo.
La prima, per i contribuenti forse la più importante, è che sarà una riforma – quella del Catasto – a “saldo zero“.

Ma, per essere più realistici, questo potrebbe non significare che una volta ricalcolati i valori degli immobili ognuno di noi non avrà aumenti dell’importo da versare come imposta sulla casa.
Infatti, si crede che il “saldo zero” sia da intendersi a livello complessivo e quindi che il risultato finale dell’aggiornamento sia l’eliminazione delle sperequazioni trascinate fino ad oggi, passando dalla revisione di fine anni ’80 – già obsoleta nel momento in cui è entrata in vigore – e dalla rivalutazione del 5% del 1997.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

L’intento sarà quello di individuare due valori da attribuire al bene: uno reddituale, cioè il canone medio al netto delle spese, e uno di mercato che ad oggi è calcolato – erroneamente – grazie a moltiplicatori che verranno definitivamente messi da parte perché padri delle iniquità (oggi per l’Ici, domani per l’Imu) delle imposte gravanti sugli immobili.
Inoltre (finalmente) si parla di attribuire i valori in base ai metri quadrati – da aggiornare poi periodicamente in base ad algoritmi che tengano conto della posizione dell’immobile, del suo stato di manutenzione, dei canoni locativi mediamente applicati, eccetera – e non ai vani, come avviene oggi. Questo, però, appare di difficile applicazione nel breve periodo stante la moltitudine di planimetrie catastali ancora mancanti.

Certamente prima di arrivare alla definizione del “come fare” si dovrà passare attraverso un tavolo di lavoro tra proprietari, professionisti e Comuni dove ogni categoria potrà apportare le proprie competenze e idee a proposito.

Continua la lettura dell’articolo su Simutuo

Ti potrebbe interessare:

Il mercato immobiliare non ha ancora toccato il fondo

L’Edilizia rappresenta sicuramente il settore che ha sofferto maggiormente la crisi in questi anni. Le ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.