Home / Finanza Personale / Mutui / MutuOk / 50% in meno delle richieste di mutuo

50% in meno delle richieste di mutuo

50% in meno delle richieste di mutuo Le richieste di mutuo continuano a scendere ma non sembra che stavolta il blocco del settore immobiliare possa legarsi in qualche modo alle imposte governative. Al centro di tutto, infatti, ci può essere soltanto la crisi. Un’analisi ragionata della situazione.

Le persone che si presentano allo sportello di una banca per chiedere un mutuo, sono sempre di meno. Il panorama relativo al 2012, possiamo dirlo, è molto sconfortante. Basta osservare le richieste di mutuo fatte nei primi 11 mesi del 2012 per rendersi conto del calo visto rispetto allo stesso periodo del 2011: -43 per cento.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

In generale vuol dire che c’è stato un rallentamento del 50 per cento rispetto agli anni passati. Il resoconto in questione è tirato fuori dall’Osservatorio Crif. In futuro ci saranno dei miglioramenti. Questa considerazione positiva si trae dai dati relativi al mese di novembre, momento in cui il calo delle richieste di mutuo è stato meno consistente che nei mesi passati e si è assestato al -32 per cento.

Secondo gli analisi la flessione dell’indice generale risiede nella depressione delle domande di sostituzioni e surroghe che, per quanto risparmio in termini generali, non propongono tassi convenienti. Per quanto riguarda la durata dei piani d’ammortamento, i più gettonati sono sempre i mutui a 25 e 30 anni. Gli importi richiesti sono sempre minori.

Continua la lettura dell’articolo su MutuOk


Scarica gli ebook sul trading gratuiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.