Home / Economia / Tuttogratis Economia / La crisi ha messo in ginocchio le famiglie. Niente vacanze di Pasqua

La crisi ha messo in ginocchio le famiglie. Niente vacanze di Pasqua

La crisi economica incide anche sulle vacanze di Pasqua. Le difficoltà economiche degli italiani non permettono di andare in vacanza tranquillamente. E come se non bastasse a tutto si aggiunge il caro benzina, che non favorisce gli spostamenti. Soltanto il 29% dei nostri connazionali ha deciso di mettersi in viaggio per le festività di Pasqua. Coloro che partiranno resteranno fuori soltanto una notte. A mettere in evidenza tutti questi dettagli è stata un’indagine dell’Adoc.

Carlo Pileri, presidente dell’Adoc, a questo proposito ha fatto notare: “Circa 7 italiani su 10 rimarranno a casa per le vacanze di Pasqua, a pesare sono il caro carburanti e i rincari per servizi e ristorazione. La crisi ha messo in ginocchio le famiglie.”

Tempi difficili anche per quanto riguarda il budget che gli italiani possono avere a disposizione per trascorrere le vacanze pasquali. E’ stato rilevato che il 36% può contare di spendere sui 200 euro, il 19% invece non potrà superare la soglia dei 400 euro.

E’ inevitabile che il carovita e la perdita del potere d’acquisto influiscono su una situazione già difficile di per se stessa, spingendo a ridurre i giorni di vacanza. L’incremento del prezzo della benzina detiene un ruolo di primo piano: rispetto allo scorso hanno si spenderanno 14 euro in più, con un rincaro del 18%.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

Le ristrettezze economiche incidono anche sulla scelta della meta per le vacanze, che per la maggior parte dei nostri connazionali continua ad essere l’Italia (62%), anche se le mete estere non vengono completamente escluse (38%).

Un aumento delle preferenze da parte degli italiani è indirizzato all’agriturismo, che quest’anno potrà contare su un incremento dei clienti pari al 3%. Non si può dire lo stesso per i ristoranti, che vedranno calare del 10% le preferenze.

In crescita anche il dato che si riferisce agli italiani che sceglieranno di optare per il pranzo a sacco, che si dimostra la scelta più economica fra tutte. A scegliere questa soluzione è il 7% degli intervistati.

Anche se si preferisce la vacanza breve, i costi vanno comunque tenuti in considerazione. Proprio per questo il 41% degli italiani ha scelto di muoversi soltanto nel giorno di Pasquetta per una semplice gita.

A poter permettersi una vacanza lunga, che implica il dormire fuori per tre notti, è solo il 4% di coloro che hanno risposto alle domande previste dall’indagine.

Continua la lettura dell’articolo su Tuttogratis Economia

Ti potrebbe interessare:

Trucchi per risparmiare benzina

Il caro benzina è sempre più una piaga che affligge gli italiani. Negli ultimi tempi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.