Home / Economia / Tuttogratis Economia / Che ha diritto all’esenzione del bollo auto?

Che ha diritto all’esenzione del bollo auto?

esenzione-bollo-autoIl bollo auto è un appuntamento annuale per ogni automobilista, in date diverse a seconda della potenza e della data di immatricolazione della vettura. Esistono però specifiche categorie che possono usufruire dell’esenzione dal bollo auto, agevolazione che in Italia viene riservata soprattutto agli automobilisti disabili e ai possessori di auto dal valore storico. Si tratta degli esempi più rilevati di esenzione, ma non certo degli unici: andiamo quindi a vedere quali sono le categorie di proprietari (e di autovetture) che hanno diritto all’esenzione del bollo auto.

In primo luogo diamo conto di quelle che sono le esenzioni permanenti, categorie che in nessun caso sono soggette al pagamento del bollo auto. Ritroviamo in questa lista non solo la vettura del Presidente della Repubblica, quelle di rappresentanza politica e dei corpi armati dello Stato, ma anche gli autoveicoli degli agenti diplomatici e consolari, quelli esclusivamente destinati da enti morali ospedalieri o da associazioni umanitarie al trasporto di persone e, infine, velocipedi e motocarrozzette destinate a sostituire o integrare le possibilità di deambulazione dei mutaliti e degli invalidi.

Esenzione bollo auto per i disabili: questa è di sicuro l’eccezione più importante alla normativa sul bollo auto. I disabili non solo possono usufruire della detrazione Irpef del 19% della spesa sostenuta per l’acquisto della vettura e dell’aliquota Iva agevolata al 4%, ma anche dell’esenzione bollo auto e dall’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà sia nel caso l’auto sia intestata allo stesso disabile, sia qualora risulti intestata a un familiare di cui egli sia fiscalmente a carico. Per richiedere l’esenzione, il disabile deve rivolgersi all’Ufficio tributi dell’ente Regione o, nelle regioni in cui tali uffici non siano presenti, all’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate. Una volta riconosciuta per il primo anno, l’esenzione è automaticamente riconosciuta anche per gli anni successivi, a meno che ovviamente i requisiti non decadano.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

Esenzione bollo auto storiche: bisogna distinguere in questo tra vetture con almeno 30 anni e quelle con meno di 30 anni ma almeno 20 anni. Le auto inserite nella prima categoria sono le cosiddette auto storiche, esenti dal pagamento del bollo (è sufficiente la data della prima immatricolazione presente sul libretto), ma soggette a un contributo annuo che varia tra i 25,82 € e i 30,00 € in base alla Regione. Le auto che hanno più di 20 anni ma meno di 30 sono considerate auto d’epoca, ma possono rientrare nella categoria delle auto storiche, a patto che presentino i requisiti di interesse storico (è necessario fare riferimento all’elenco dell’Automotoclub Storico Italiano). Anche le auto d’epoca, comunque, sono soggette al contributo annuo già citato.

Esenzione bollo auto Gpl e metano: anche le auto ad alimentazione a gas (metano e Gpl) possono usufruire dell’esenzione dal pagamento del bollo dell’auto, anche se non totale. Le vetture che rientrano in questa categoria sono soggette, infatti, a un’esenzione parziale del 75% sulla tassa automobilistica, di cui possono godere anche le auto elettriche. Queste per i primi 5 anni di immatricolazione usufruiscono dell’esenzione totale, che scende poi al 75% nella maggior parte delle Regioni italiane, ad esclusione di Lombardia e Piemonte dove l’esenzione rimane totale per sempre. Al momento non è prevista alcuna agevolazione per i possessori di auto ibride, a meno che non si risieda nella Provincia Autonoma di Bolzano, dove le vetture ibride immatricolate a partire dal 3 agosto 2005 hanno diritto ad un’esenzione totale del bollo auto per i primi 3 anni.

Continua la lettura dell’articolo su Tuttogratis Economia


Scarica gli ebook sul trading gratuiti

Ti potrebbe interessare:

Bollo auto 2018. Più la macchina inquina più alto il prezzo da pagare

L’idea di un bollo auto più caro per le macchine più inquinanti prende piede dopo essere stata lanciata dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.