Home / Economia / Solofinanza.it / Scrivere un curriculum vitae perfetto

Scrivere un curriculum vitae perfetto

Un curriculum di nove pagine? Decisamente troppo lungo di questi tempi per trovare lavoro! La tendenza nella stesura dei cv oggi è light.

Uno studio condotto in Spagna ha scoperto che le aziende iberiche sono addirittura restie ad assumere candidati troppo preparati, disperatamente alla ricerca di lavoro, ma subito pronti a fuggire non appena si presenta un’opportunità più appetibile.

Secondo gli spagnoli, varrebbe dunque la pena di giocare al ribasso, non ostentando troppo il numero di lingue straniere parlate o il numero di master, qualifiche che al datore di lavoro potrebbero costare di più e che quindi lo porterebbero a scegliere altri candidati.

I cacciatori di testa italiani consigliano invece di presentare dei curricula snelli e funzionali, ma contenenti tutte le esperienze formative e lavorative, tralasciando hobby e interessi troppo personali. Assolutamente vietato anche millantare conoscenze non vere e disponibilità al trasferimento: è controproducente, anche se a livello superficiale parrebbe dare un po’ di smalto alla presentazione. L’esaminatore vuole arrivare subito al dunque e rispondere alla domanda: che cosa sa fare questo candidato? E durante il colloquio, con poche domande lo capirà immediatamente.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

Quando si elabora un curriculum vitae l’errore è sempre dietro l’angolo e ogni imperfezione, anche la più insignificante, può pregiudicare la buona impressione che invece si desidera fare con questa sorta di “macro-biglietto da visita”. Occorre quindi controllare che non ci siano assolutamente errori ortografici o di battitura – per non parlare degli errori imperdonabili sui dati necessari per contattare il candidato (e-mail e numeri di telefono).

Altra regola importante: non tentare di “allungare il brodo” lasciando molto spazio bianco tra le poche voci del documento. Assolutamente controproducente anche riportare l’elenco degli esami superati all’università con i singoli voti ottenuti. Un cv perfetto è preciso, lineare e senza fronzoli, non più lungo di tre pagine. Deve catturare l’attenzione di chi lo legge, ma senza trovate bizzarre – adatte eventualmente solo a chi si candida come creativo presso un’agenzia pubblicitaria.

La lettera di accompagnamento non è più molto di moda, ed è consigliata solo in caso di auto-candidatura – cioè quando non si risponde a un annuncio.

Eccellenti ausili per la stesura di curricula, sia in italiano che in inglese, si trovano su questa pagina del portale gratis.it.

Continua la lettura dell’articolo su Solofinanza.it

Ti potrebbe interessare:

Consigli per trovare lavoro nell’era dei social network

Il social media recruiting è la ricerca di un professionista adatto a un posto di ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.