Home / Economia / Solofinanza.it / Mercato immobiliare sempre più in crisi

Mercato immobiliare sempre più in crisi

crisi-mercato-immobiliareIl taglio dei tassi di interesse deciso dalla Banca Centrale Europea e i prezzi delle case in calo potrebbero in teoria ridare una boccata d’ossigeno al settore delle compravendite immobiliari.

Per il momento, gli spread (ovvero i differenziali) applicati dalla maggior parte delle banche ai prestiti si aggirano ancora sul 3%: decisamente troppo per la famiglia media (prima del 2008 erano di appena l’1%). Non è un caso che lo scorso anno il numero di mutui concessi sia calato del 38%. Ora gli operatori del settore sperano che il taglio dei tassi porti a un calo degli spread. Qualche istituto ha già iniziato con lievi ribassi dello 0,10-0,20%, ma è difficile immaginare che si scenda oltre il 2,50% entro la fine dell’anno.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

Anche le somme erogate stanno lievemente aumentando e gli auspici di tutti vanno anche in questa direzione: mentre prima della crisi un prestito arrivava facilmente all’80% del valore dell’immobile, ora la quota è del 60% nel migliore dei casi. Sono ancora isolati i casi degli istituti di credito (come Intesa San Paolo) che finanziano anche il 100% dell’immobile in cambio di garanzie aggiuntive (ad esempio, i genitori come garanti) e di spread leggermente più alti. Tornano a essere proposti anche i mutui a tasso misto, ovvero quelli che consentono di passare nel corso del tempo dal tasso fisso e il tasso variabile, a seconda di quello che risulta più conveniente.

Per chi stesse cercando un mutuo, consigliamo sempre di rivolgersi a più istituti di credito e di non fermarsi alla prima proposta – è molto semplice farlo con i servizi di comparazione mutui online. Studiare bene il proprio caso e perdere un po’ di tempo può significare spuntare una differenza sullo spread che va da 0,40 di punto a un punto percentuale: per un immobile del valore di 150.000 euro può significare un risparmio dai 700 ai 2000 euro l’anno.

Continua la lettura dell’articolo su Solofinanza.it


Scarica gli ebook sul trading gratuiti

Ti potrebbe interessare:

E’ il momento buono per investire nel mattone

Complice la crisi, l’eterno divario che da sempre intercorre fra domanda e offerta nell’ambito del ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.