Home / Economia / Solofinanza.it / Crollano i tassi di interesse sui conti di deposito

Crollano i tassi di interesse sui conti di deposito

tassi in discesa per i conti depositoPer l’investitore poco esperto o poco propenso al rischio, parcheggiare di anno in anno la propria liquidità nel conto deposito che offre le migliori condizioni è una formula di investimento semplice ma intelligente. Certo, è necessario un po’ di impegno perché l’offerta varia in continuazione e non bisogna lasciarsi sfuggire le occasioni proposte ai nuovi clienti, di solito per somme vincolate a scadenze più o meno lunghe.

Nelle ultime settimane i tassi di interesse sui conti di deposito sono bruscamente calati, ma rimangono competitivi con quelli di BoT e BTp. Vediamo come si presenta al momento il panorama dei migliori conti deposito online disponibili nel nostro Paese.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

Le più interessanti promozioni in corso sono le seguenti:
* Conto Arancio: 2,80% di interessi per somme mantenute in deposito per un anno;
* Chebanca: 2,75% per 12 mesi di vincolo con versamento degli interessi in anticipo;
* Conto deposito YouBanking (Banco Popolare): interessi del 3,00% sulle somme bloccate per un periodo di 18 mesi;
* Banca Mediolanum: tasso del 3,10% per vincoli a 12 mesi e interessi anticipati a cadenza trimestrale.
* Webank.it: 3,50% per la nuova liquidità versata e vincolata a 12 mesi con in posta di bollo a carico della banca per il 2013.
* Rendimax di Ifis offre dal 3,10 al 4,60 sui depositi vincolati – a seconda della durata e dell’importo;
* Deposito sicuro di Banca Marche rende il 4.60% sulle somme vincolate.

La materia è magmatica e il panorama potrebbe cambiare nel giro di qualche giorno. Ricordiamo sempre che, nella scelta di un conto deposito occorre sempre verificare che la banca in questione aderisca al Fondo interbancario di tutela depositi, che garantisce fino a 100.000 euro per intestatario. Bisogna poi sempre verificare bene quale sarà il rendimento effettivo, al netto della tassazione (imposta di bollo pari allo 0,15% da un minimo di 34,20 euro fino a un massimo di 1200 euro) e della ritenuta fiscale sugli interessi (pari al 20%). Il risparmiatore deve sempre valutare con estrema attenzione l’insieme delle condizioni contrattuali.

Continua la lettura dell’articolo su Solofinanza.it

Ti potrebbe interessare:

Le tipologie dei Conto deposito e il migliori di oggi

Un conto deposito si distingue dal conto corrente per essere solo un deposito di denaro remunerato. Ma quali sono gli elementi caratterizzanti di un contratto di conto deposito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.