Home / Economia / Investimenti Sicuri Info / I Btp rendono molto perché valgono poco

I Btp rendono molto perché valgono poco

Titoli di StatoDa tempo, Investimenti Sicuri segue l’evoluzione dello spread btp-bound e il cambiamento, nella percezione generale degli italiani, dei Btp.

Una volta, infatti, eravamo inBOTtiti di titoli del debito italiano, e consideravano i nostri soldi investiti bene e vivevamo tranquilli, nella consapevolezza di avere alle spalle uno Stato sano e in grado di onorare i suoi prestiti.

Erano gli anni’60, periodo del boom economico, una congiuntura epocale e favorevole per l’Italia. Oggi, tutto sembra cambiato.

I Btp rendono molto perché valgono poco – meglio essere schietti – e le banche, con l’esperimento Btp Day, nemmeno in modo tanto velato stanno cercando di liberarsene. I dati pre Btp day, che ricordiamo si è tenuto il 28 novembre, sostenevano che gli italiani possedevano il 40% dei debito dello Stato, a fronte del 60% in mano agli investitori stranieri.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

Dopo il Btp Day, siamo passati al 50%. Un successo soprattutto perché, in una situazione delicata come questa in cui stiamo vivendo, è meglio depennare gli investitori stranieri dal computo totale, sicuramente meno fiduciosi delle nostre performance economiche. Ma non ci sono solo i Btp, e il successo di un’altra iniziativa simile, il Bot Day, lo ha ricordato agli italiani. Lunedì 12 dicembre, infatti, il Bot Day ha contribuito a far sì che il Tesoro italiano collocasse 7 miliardi di euro di Bot ad 1 anno. Anche qui grande riscontro di richieste di nostri connazionali, nonostante il rendimento abbia mostrato un calo, passando dal 6,087% registratosi nell’asta dello scorso 10 novembre, all’odierno 5,952%.

Altri Titoli Stato
Il grande interesse verso i titoli più famosi, ne ha oscurato degli altri ugualmente interessanti. Parliamo dei CCT, Certificati di Credito del Tesoro, che con scadenza a settembre 2015 o a gennaio 2016, offrono un rendimento dell’11 per cento. Molto bene anche i BTPei, che si differenziano dai BTP perché indicizzati all’inflazione – la stima considerato è il 2,5% per il prossimo decennio – , che garantiscono dall’8 al 9%.

Continua la lettura dell’articolo su Investimenti Sicuri Info

Ti potrebbe interessare:

BTP, rendimenti ancora in ribasso

Il Tesoro ha posizionato BTP a diverse scadenze offrendo rendimenti ancora in ribasso. Dopo l’assegnazione di Bot a 12 mesi, anche i titoli a medio e lungo termine hanno fatto registrare rendimenti più basi rispetto alle precedenti offerte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.