Home / Finanza Personale / Mutui / Mutuonews / Mutui, spread in salita. Evitare il Cap

Mutui, spread in salita. Evitare il Cap

Spread-mutuoLa crisi dei mercati sta avendo gravi conseguenze sui mutui. Il collasso generale ha generato infatti un momento difficile direttamente legato a quanto accade nelle arene economiche internazionali. Ne sa qualcosa chi in questo periodo sta cercando di stipulare un prestito fiduciario: i tassi d’interessi, infatti stanno salendo alle stelle. Insomma, scegliere il tipo di mutuo sta diventando un compito alquanto difficile. La colpa è dello spread, quello applicato dagli istituti di credito alle operazioni di prestito fiduciario ipotecario e che viene sommato al costo del denaro, in rapida ascesa.

Qual è il processo che sta avvenendo in questi mesi? Si tratta dell’aumento dell’ormai famigerato spread. Un valore che da luglio 2011 a settembre 2011 è praticamente raddoppiato passando dall’1,5% al 3%. Il tasso cambia da un istituto di credito all’altro, quindi prima della firma sul contratto è sempre bene effettuare una approfondita analisi delle offerte delle varie banche. Anche un solo punto percentuale può costare assai caro.

Il vice-presidente di mutuo online.it, Roberto Anedda, descrive, in una intervista rilasciata a ‘Il sole 24 ore, una situazione che fa intravedere ancora nubi all’orizzonte. ‘La ripresa non è vicinissima’ avverte Anedda ‘c’è il rischio che questo stato di cose vada avanti ancora per due o tre anni. Consiglio di evitare i mutui con Cap (ovvero il tetto oltre cui il mutuo con tasso variabile non può salire, ndr). Lo spread infatti è meno vantaggioso rispetto a quelli applicati in casi di variabile semplice. C’è solo un istituto che oggi applica un cap del 5,5% mentre la maggior parte orbita intorno al 6’.


Continua la lettura dell’articolo su Mutuonews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *